Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Portogallo è iniziato oggi il lutto nazionale di tre giorni decretato dal governo dopo la morte sabato a 92anni dell'ex-presidente socialista Mario Soares.

KEYSTONE/EPA LUSA/MARIO CRUZ

(sda-ats)

In Portogallo è iniziato oggi il lutto nazionale di tre giorni decretato dal governo dopo la morte sabato a 92anni dell'ex-presidente socialista Mario Soares, uno degli artefici del ritorno del paese alla democrazia dopo la fine della dittatura salazarista.

Domani sono previsti i funerali nazionali dell'ex-capo dello Stato. La salma di Soares è stata trasferita questa mattina dalla sua casa di Campo Grande, nel cuore di Lisbona, verso il Monastero de los Jeronimos, sulle rive del Tago, dove è stata allestita una camera ardente nella Sala de Los Azulejos.

Quelli di Soares saranno i primi funerali di Stato in Portogallo dalla rivoluzione dei garofani del 25 aprile 1974, rileva Publico, che misero fine alla dittatura.

Domani il corteo funebre attraverserà il centro della capitale portoghese fino allo storico Cemeterio dos Prazeres, dove avverrà la sepoltura.

Fondatore del Partito Socialista, esiliato sotto la dittatura, Soares rientrò in Portogallo dopo la rivoluzione del 1974 guidata dal capitano Othelo de Carvalho. Soares è stato uno dei personaggi chiave del ritorno alla democrazia. Ministro degli esteri e artefice dell'adesione del Portogallo all'allora Comunità Europea, è stato poi primo ministro e quindi presidente della repubblica dal 1986 al 1996.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS