Navigation

Posta, 25'000 franchi al giorno per consulenza esterna

Migliorare l'efficienza. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 marzo 2020 - 09:33
(Keystone-ATS)

Da 5500 a 25'000 franchi per un giorno di lavoro: è la tariffa - secondo il SonntagsBlick - chiesta dalle società di consulenza per stilare rapporti che dovrebbero aiutare la Posta a definire la sua strategia aziendale.

Contattato dal domenicale, un portavoce non ha voluto commentare queste cifre, limitandosi ad affermare che il consiglio di amministrazione (Cda) ha deciso di chiedere un sostegno esterno per definire lo sviluppo dell'impresa. Un approccio usuale e adottato anche in passato, viene precisato. A decidere è però poi il Cda (guidato dall'ex consigliere di stato e consigliere agli stati PPD friburghese Urs Schwaller) e la direzione (Ceo è Roberto Cirillo, cresciuto a Novazzano).

La Posta sottolinea che per oltre l'85% agisce sul mercato libero. "Per la consulenza esterna impieghiamo denaro proprio e non dei contribuenti", afferma l'addetto stampa citato dal periodico.

Riguardo ai consulenti, il SonntagsBlick avanza i nomi di Ernst&Young, PricewaterhouseCoopers, KPMG e McKinsey. Per quest'ultima società ha lavorato anche Cirillo, alla testa della Posta dall'aprile 2019. Riguardo ai contenuti dei rapporti, si parla anche di "aumento dell'efficienza" e "ristrutturazione", sempre stando al domenicale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.