PostFinance ha cessato il traffico dei pagamenti verso Cuba a causa delle sanzioni statunitensi. La Camera di commercio e industria svizzera-cubana (SwissCubanCham) non apprezza.

"Con poche eccezioni, il canale di pagamento per Cuba è chiuso dal primo settembre 2019", ha indicato il portavoce di PostFinance Rinaldo Tibolla, interrogato da Keystone-ATS. A causa delle sanzioni sempre più severe degli Stati Uniti, PostFinance sta pure considerando di sospendere le relazioni commerciali con entità domiciliate a Cuba. In quanto banca svizzera, PostFinance non è direttamente soggetta al diritto statunitense, ma partecipa alle operazioni di pagamento globali e dipende quindi da una rete di banche corrispondenti e dall'accesso alle operazioni di pagamento in dollari statunitensi. Il diritto degli Usa potrebbe quindi avere un "effetto extraterritoriale".

Per la SwissCubanCham questa decisione è incomprensibile. "I nostri membri si sono trovati di fronte a un fatto compiuto, comunicato a breve termine e oralmente da parte dei consiglieri di PostFinance", ha indicato oggi l'organizzazione. PostFinance non è la prima banca a interrompere le operazioni di pagamento con Cuba a causa delle sanzioni statunitensi. UBS, Credit Suisse e la Banca cantonale di Zurigo non operano con l'isola caraibica dal 2013. Raiffeisen ha fatto lo stesso recentemente per le medesime ragioni.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.