Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I servizi sociali non sono responsabili dell'aumento dei poveri, né del fatto che fra i beneficiari dell'assistenza figurino molti disoccupati di lunga data e madri sole. Le istituzioni sociali semplicemente "ereditano" i problemi irrisolti della società, ha spiegato in un'intervista a "Le Temps", il nuovo copresidente della Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS), Felix Wolffers.

L'aiuto sociale rappresenta un grosso onere amministrativo e finanziario per i comuni, soprattutto quelli di piccole e media grandezza, ammette Wolffers, che però respinge le critiche di "lassismo" formulate da alcuni comuni. Se i costi esplodono è perché il numero di poveri è in costante crescita, e la responsabilità non è delle istituzioni di assistenza sociale, precisa.

In Svizzera ci sono 330'000 milionari e 250'000 beneficiari dell'assistenza sociale, pari al 3,1% della popolazione nel 2012. E sia il numero di ricchi che quello dei poveri aumenta. La politica, invece di accusare l'assistenza sociale, dovrebbe occuparsi di questo problema e presentare proposte concrete per contrastare la diffusione della povertà, ha detto Wolffers.

Il dibattito sull'aiuto sociale è sempre più concentrato sui possibili abusi, ma bisogna tener conto che i costi rappresentano solo il 2% del totale delle spese del sistema di sicurezza sociale, pari a 2,8 miliardi di franchi. I sussidi per i premi della casse malattia ad esempio sono più elevati, circa 4 miliardi di franchi nel 2012, ha affermato Wolffers.

"Non tutti sanno - ha puntualizzato - che un beneficiario su tre dell'assistenza è un minorenne". I bambini e i ragazzi sotto i 18 anni sono il gruppo più numeroso fra chi riceve di aiuti. Bisogna tener conto inoltre che dal 2003 l'Assicurazione invalidità ha ridotto della metà le nuove rendite, quindi l'aiuto sociale è obbligato a sostenere queste persone.

Per Wolffers, i servizi sociali hanno aumentato i controlli per evitare abusi, ma una maggiore sorveglianza non ha alcun effetto sull'integrazione sociale e professionale. In effetti, una buona parte delle persone in assistenza non ha una formazione professionale: bisogna quindi dare ai giovani e ai disoccupati di lunga data la possibilità di formarsi.

"Costatiamo anche che i disoccupati di una certa età, malgrado abbiano le qualifiche necessarie, fanno fatica a ritrovare un lavoro", ha aggiunto il capo dell'ufficio degli affari sociali della città di Berna. Per questo il mondo economico dovrebbe fare la sua parte.

Anche il fatto che gli stranieri beneficiari dell'aiuto sociale siano più numerosi degli svizzeri (6,3% contro 2,2%) per Wolffers è legato alla mancanza di formazione. Per i cittadini provenienti da alcuni paesi la proporzione di lavoratori senza qualifiche è molto elevata, ma tedeschi e francesi che ricevono aiuti non sono più numerosi degli svizzeri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS