Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Colpito dalla tragica sorte dei migranti che cercano rifugio in Europa attraversando il Mediterraneo, il PPD propone un suo "piano d'azione" per contribuire a migliorare la situazione.

Si tratta in primo luogo di salvare delle vite, ha sottolineato oggi il partito in una nota e in una conferenza stampa a Berna. Nella misura delle sue possibilità - afferma il PPD - la Svizzera deve partecipare alle operazioni di salvataggio nel Mediterraneo fornendo personale e fondi. La lotta contro i passatori deve essere rafforzata e coordinata a livello europeo.

Il PPD si oppone alla reintroduzione delle richieste d'asilo nelle ambasciate elvetiche, chiesta dall'Organizzazione svizzera d'aiuto ai rifugiati (OSAR). Vuole però accogliere i profughi che più hanno bisogno di protezione, come donne, bambini, anziani e handicappati.

Parallelamente, il partito vuole impedire che arrivino in Svizzera estremisti o criminali con il pretesto dell'asilo. È inoltre contrario all'accoglienza di chi cerca soltanto migliori prospettive economiche. D'altro canto, che è degno di protezione deve riceverla senza riserve. Per questo motivo, il partito esige una procedura d'asilo più rapida.

Verdi: "aprire la fortezza Europa"

Dal canto suo, in una dichiarazione pubblicata oggi, il gruppo parlamentare dei Verdi preconizza di "gettare ponti invece di erigere muri". Esorta dunque il Consiglio federale a proporre senza indugio un decreto federale urgente per reintrodurre la procedura d'asilo nelle ambasciate.

I Verdi chiedono inoltre che la Svizzera accolga senza aspettare oltre il contingente di 3000 siriani già stabilito dal governo, anche se - aggiungono - "può e deve fare di più". Ai tempi della crisi del Kosovo (1998) - rammentano - 50'000 profughi erano stati accolti nel giro di due anni.

Secondo gli ecologisti, Berna deve chiedere una riforma del sistema Dublino affinché i profughi siano ripartiti in futuro secondo la forza economica di ciascun paese. Bisogna dimostrarsi solidali con l'Italia e la Grecia, i paesi più colpiti dall'immigrazione di massa, sostenendole finanziariamente e accogliendo una parte dei "boat people", concludono.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS