Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Reto Nause, municipale a Berna, sta valutando la possibilità di candidarsi alla presidenza del PPD nazionale. Potrebbe quindi essere lui l'avversario del consigliere nazionale zughese Gerhard Pfister alla successione di Christophe Darbellay.

"Sono in contatto con la commissione di selezione e sto discutendo con i miei contatti bernesi", ha detto all'ats Nause, confermando un'informazione della NZZ am Sonntag. Nulla però è ancora stato deciso. Reto Nause, 44 anni, intende ripresentarsi alle elezioni comunali il prossimo autunno. Deve quindi valutare la possibilità di conciliare la sua attività nell'esecutivo bernese e quella di presidente del partito.

Nause ha già esperienza nella conduzione di un partito poiché era segretario del PPD quando è stato eletto al municipio di Berna. Nel 1999 è pure stato responsabile della campagna elettorale di Doris Leuthard.

Finora l'unico candidato ufficiale alla presidenza del PPD è Gerhard Pfister. Altri papabili, come il consigliere agli Stati solettese Pirmin Bischof e il consigliere nazionale grigionese Martin Candinas, hanno rinunciato.

Pfister, 53 anni, fa parte della presidenza del partito, che conta 12 membri. È in Consiglio nazionale dal 2003 ed appartiene all'ala destra del PPD. Una posizione che non piace a tutti: il consigliere nazionale vallesano Yannick Buttet, che ha annunciato la sua candidatura per la vicepresidenza, intende fare da contrappeso a Pfister. Con lo zughese alla presidenza "c'è il rischio che il partito sia più orientato su Zurigo e si avvicini all'UDC", secondo il vallesano. Reto Nause invece ha una posizione più di centro.

L'elezione del nuovo presidente è in programma il 23 aprile all'assemblea dei delegati che si terrà a Winterthur (ZH). Le sezioni cantonali hanno tempo fino a metà febbraio per presentare i loro candidati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS