Navigation

PPD ha scelto nuovo nome: sarà Alleanza del Centro

Il nuovo logo Peter Schneider/Keystone-ATS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 settembre 2020 - 18:00
(Keystone-ATS)

Il nuovo nome del Partito popolare democratico svizzero, se la base lo vorrà, sarà Alleanza del Centro. Le sezioni cantonali potranno però mantenere la loro denominazione attuale se lo desiderano. Lo hanno indicato i vertici del partito oggi in una conferenza stampa.

Alleanza del Centro - Die Mitte in tedesco, Le Centre in francese e Allianza del Center in romancio - sta a rappresentare un posizionamento e un profilo chiaro, ha spiegato ai media il presidente del partito Gerhard Pfister. Intende aprirsi agli elettori che privilegiano il consenso e la ricerca di soluzioni concrete e pragmatiche piuttosto che posizioni dogmatiche. Insomma, la formazione politica ha spiegato di voler continuare a svolgere un ruolo di unificatore, in un momento in cui "gli estremi hanno sempre più peso".

Il nuovo logo del partito è accompagnato da una parentesi arancione e dalle parole "libertà, solidarietà, responsabilità". In questo periodo di crisi sociale, questi sono valori importanti per la Svizzera, ha sottolineato il consigliere degli Stati giurassiano Charles Juillard, vicepresidente del partito.

Pfister e Juillard hanno insistito sul fatto che il PPD può puntare più in alto rispetto all'11% dei consensi ottenuti alle elezioni federali dello scorso anno. Un sondaggio pubblicato a fine giugno ha mostrato che il suo potenziale si situa attorno al 20%.

Lo stesso sondaggio ha mostrato che un eventuale nuovo nome che evoca il "Centro" viene giudicato più attraente. Il 53% dei membri del partito ritiene inoltre che il riferimento cristiano presente nella denominazione attuale tedesca (Christlichdemokratische Volkspartei) e francese (Parti démocrate-chrétien) non permette di attirare nuovi elettori.

Il nuovo nome sarà ora sottoposto ai membri del PPD svizzero. Questa votazione interna, la prima organizzata dal partito, avverrà per posta fino alla fine di ottobre. Se il cambiamento sarà approvato, la decisione dovrà ancora essere ratificata dall'assemblea dei delegati - prevista il 14 novembre - con una maggioranza di due terzi.

Le sezioni cantonali saranno poi libere di scegliere se adottare la nuova denominazione o mantenere quella attuale. Hanno tempo fino al 2025 per farlo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.