Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'entrata della moschea di Bienne.

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

Le autorità comunali di Bienne e Nidau nonché quelle del canton Berna si sono confrontate sul caso di Abu Ramadan, il controverso predicatore della moschea Ar'Rahman di Bienne.

In occasione di un incontro è stato convenuto che è necessario rafforzare lo scambio d'informazioni e controllare più sistematicamente i dossier dell'aiuto sociale.

Sotto la guida del consigliere di Stato bernese Pierre Alain Schnegg, martedì scorso i partecipanti hanno discusso di possibili misure nel settore dell'aiuto sociale e dei diritti degli stranieri per identificare tempestivamente casi simili, informa un comunicato odierno del canton Berna.

Oltre al dossier del predicatore in questione sono stati esaminati altri casi simili, viene precisato. Abu Ramadan è stato al centro della cronaca in questi mesi dopo la pubblicazione di un articolo sul Bund e sul Tages Anzeiger, in cui veniva accusato di essere un predicatore di odio. L'interessato ha poi contestato queste accuse.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS