Navigation

Premi: il Goncourt a Jérôme Ferrari, ginevrino Dicker "fallisce"

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 novembre 2012 - 14:51
(Keystone-ATS)

Jérôme Ferrari ha ottenuto oggi il premio Goncourt, il più importante riconoscimento letterario in Francia, per il suo romanzo "Le Sermon sur la chute de Rome". Il ginevrino Joël Dicker, giunto in "finale" con "La vérité sur l'affaire Harry Québert", è rimasto a bocca asciutta, accanto agli altri due finalisti Patrick Deville e Linda Lê.

Il romanzo di Ferrari è ambientato in Corsica, incentrato su speranze deluse, frustrazioni e durata effimera delle cose. Nato nel 1968, il vincitore del Goncourt insegna filosofia al liceo francese di Abu Dhabi.

Lo scorso 25 ottobre "La vérité sur l'affaire Harry Québert" - un romanzo noir all'americana con riflessioni sugli Stati Uniti di oggi, la letteratura, la giustizia e i media - ha ottenuto il Gran premio del romanzo dell'Académie française. Il vodese Jacques Chessex rimane dunque il solo romando ad aver vinto il Goncourt dal 1973.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?