Navigation

Presidente di ElCom per costruzione di centrali a gas

Il presidente della la Commissione federale dell'energia elettrica (ElCom) Carlo Schmid-Sutter (foto d'archivio) KEYSTONE/EQ IMAGES/ADRIAN MOSER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 dicembre 2019 - 10:15
(Keystone-ATS)

In seguito alla chiusura di Mühleberg (BE) il presidente di ElCom chiede la costruzione in Svizzera delle controverse centrali combinate a gas per migliorare l'approvvigionamento e sostituire l'energia nucleare eliminata.

"Le centrali a gas devono cessare di essere un tabù, in quanto ne avremo bisogno temporaneamente come energia di appoggio", ha dichiarato il presidente della Commissione federale dell'energia elettrica (ElCom) Carlo Schmid-Sutter in un'intervista apparsa oggi sulla Neue Zürcher Zeitung. I critici nei confronti delle centrali termoelettriche a ciclo combinato ritengono che tali costruzioni contrastano gli sforzi ambientali a causa delle emissioni di CO2.

Schmid-Sutter, che lascerà la presidenza di ElCom alla fine dell'anno dopo 12 anni di servizio, indica che se la Svizzera colma il suo approvvigionamento importando elettricità, riceverà un mix con molta energia a carbone. L'elettricità prodotta a partire dal gas rilascerebbe solo la metà di CO2 rispetto all'elettricità da carbone. "È quindi più ragionevole costruire centrali termoelettriche a ciclo combinato in Svizzera che importare dalla Polonia elettricità prodotta a partire dal carbone".

Schmid-Sutter, ex consigliere agli Stati (PPD/AI), dubita che nelle condizioni attuali del mercato, le energie rinnovabili si svilupperanno in modo sufficientemente rapido alla scomparsa dell'energia nucleare in Svizzera. "C'è un abisso tra la sicurezza dell'approvvigionamento e la razionalità economica che deve essere colmato dalla politica e, in fondo, dal contribuente".

Il presidente di ElCom chiede "l'acquisizione da parte dello Stato di una maggiore sicurezza d'approvvigionamento" e quindi per centrali di riserva adeguate per l'inverno. Lo Stato dovrebbe agire come acquirente. "Chi fornirà la capacità di produzione al prezzo più favorevole si aggiudicherà il contratto". Il Consiglio federale dovrebbe essere obbligato per legge a lanciare tale gare d'appalto per l'ampliamento delle centrali se risultasse che gli obiettivi non saranno raggiunti al momento della chiusura di tutte le centrali nucleari.

Schmid-Sutter non è contento dello spegnimento della centrale nucleare di Mühleberg (BE). "Non so come si possa gioire quando il 5% della produzione svizzera di elettricità scompare di colpo. Per me non è un motivo per festeggiare, ma una ragione di preoccupazione".

Ieri i è stata spenta per la prima volta una centrale nucleare in Svizzera: il gestore BKW ha deciso di mandare in pensione Mühleberg dopo 47 anni di attività per ragioni economiche. Il Consiglio federale ha accolto con favore la decisione. La ministra dell'energia Simonetta Sommaruga (PS/BE) ha parlato su Twitter di una "giornata storica". Il futuro appartiene all'energia locale e pulita che proviene dall'acqua e dal sole, ha scritto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.