Il Consiglio federale, guidato dal presidente della Confederazione Ueli Maurer, ha accolto nel pomeriggio con gli onori militari il presidente indiano Ram Nath Kovind e la consorte Savita arrivati in Svizzera per una visita di Stato.

Lo indica un comunicato del Consiglio federale, Cancelleria e Dipartimento federale degli affari esteri. Tra i temi al centro dei colloqui ufficiali: le relazioni bilaterali, la possibilità di concludere un accordo di libero scambio e sulla cooperazione nel settore ambientale e i diritti umani.

Nel suo discorso di ricevimento a Berna Maurer ha apprezzato la visita di Stato del presidente Kovind definendola una dimostrazione che Svizzera e India affrontano con rinnovato slancio la fase successiva al 2018, anno in cui è stato ampiamente festeggiato il 70esimo anniversario dall'inizio delle relazioni bilaterali fra i due paesi.

Successivamente - al Bernerhof, sede del Dipartimento federale delle finanze, che ospita anche la sala banchetti per i ricevimenti di Stato - si sono tenuti i colloqui ufficiali ai quali oltre al presidente della Confederazione hanno preso parte la vicepresidente del Consiglio federale Simonetta Sommaruga e i consiglieri federali Guy Parmelin e Ignazio Cassis.

Le parti hanno discusso della conclusione di un accordo di libero scambio, sul quale l'Associazione europea di libero scambio (AELS) e l'India stanno negoziando dal 2008, nonché dei negoziati su un accordo bilaterale di tutela degli investimenti, indica la nota.

I rappresentanti dei due stati - che hanno un rapporto di popolazione di 1 a 157 - hanno accolto con favore i progressi fatti in materia finanziaria e fiscale. Questi hanno permesso l'entrata in vigore all'inizio del 2018 dello scambio automatico di informazioni tra i due paesi, viene sottolineato. A breve dovrebbero essere scambiate le prime informazioni.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.