Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le aziende che assumono personale residente in Svizzera, invece di impiegati provenienti dall'estero, potrebbero essere ricompensate con incentivi fiscali. Lo propone il presidente dell'UDC Toni Brunner per sfruttare meglio e in modo rapido il potenziale della forza lavoro disponibile in Svizzera.

Brunner conferma una notizia del domenicale svizzero tedesco "SonntagsBlick" di voler avviare una discussione su questo tema. Chi assume, per quanto possibile, personale in Svizzera deve poter approfittare di sgravi fiscali, ribadisce.

Brunner fa una proposta simile anche per quanto riguarda le cure e l'assistenza. Dovrebbero esserci incentivi fiscali anche per "Svizzeri che assistono volontariamente persone anziane". Molte persone, anche anziane, sarebbero pronte a dare un contributo se a loro volta possono approfittarne, continua Brunner.

Il presidente dell'UDC vuole anche facilitare l'accesso alle professioni in questo settore. "Ci sono persone adatte a questo tipo di lavoro, ma che non possono iniziare la formazione a causa di ostacoli scolastici", secondo Brunner.

L'UDC prevede che nei prossimi tre anni, fino all'attuazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, continuerà ad esserci una forte immigrazione. In questo modo Brunner giustifica le sue proposte, definendole misure accompagnatorie. Le aziende devono poter mettere a punto rapidamente il nuovo sistema dei contingenti.

Il sistema di incentivi fiscali può essere attuato immediatamente con l'adattamento di decreti, secondo Brunner. Il procedimento è quindi più veloce rispetto ai necessari adattamenti delle leggi per l'attuazione dell'iniziativa. Brunner non parla di cifre: l'importo che dovrebbe costare a Confederazione, Cantoni e Comuni il sistema di sgravi fiscali al momento non è il fattore centrale, dice il presidente dell'UDC.

Per ora Brunner vuole aspettare il programma che il Consiglio federale sta elaborando con un gruppo di esperti con rappresentanti di Confederazione, Cantoni, Città e partner sociali. I partiti e i promotori dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa non sono rappresentati, ciò che irrita l'UDC.

SDA-ATS