Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il preventivo 2015 adottato oggi dal Consiglio federale dovrebbe chiudersi, sulla base dei dati attuali, con un'eccedenza di circa 500 milioni di franchi. Questo risultato, indica una nota odierna del Dipartimento federale delle finanze (DFF), è stato raggiunto grazie a risparmi per 700 milioni di franchi, che il Governo propone allo scopo di rispettare il freno all'indebitamento.

Il piano finanziario 2016-2018 presenta eccedenze fino a 2,8 miliardi di franchi. Tuttavia il DFF relativizza quest'ultima stima: nella pianificazione non sono infatti ancora compresi diversi progetti di riforma importanti, come la riforma III dell'imposizione delle imprese, per il cui finanziamento occorrono eccedenze.

Ritornando al preventivo, il governo ha attuato per quanto possibile misure di risparmio, così come voleva il PCon 2014, ossia il pacchetto di consolidamento e verifica dei compiti per il biennio 2014-2016 da 700 milioni di franchi all'anno che il Consiglio nazionale ha rinviato l'anno scorso al mittente.

I tagli si giustificano agli occhi del DFF con un calo delle entrate dell'imposta federale diretta per il 2013 molto più accentuato di quanto stimava il piano finanziario 2015-2017. Gli effetti di tale flessione, unita al persistente basso rincaro, obbligano il governo ad adottare misure di risparmio per rispettare il freno all'indebitamento, si legge nella nota. In effetti, rispetto a quanto atteso dall'ultimo piano finanziario, nel 2015 l'amministrazione può spendere 870 milioni in meno.

Per questo motivo, il DFF ha deciso di applicare per quanto possibile le misure previste nel Pcon, cui si aggiungono tagli del 2,1% nelle spese per beni e servizi e spese di esercizio e dell'1,1% sulle uscite meno vincolanti.

A sgravare ulteriormente il bilancio di 700 milioni, si aggiungono altri 310 milioni dovuti alla bocciatura popolare del jet militare Gripen, sottolinea la nota. Per il 2015, quindi, la crescita delle uscite risulta più moderata (+1,3%) rispetto al preventivo 2014. Nel preventivo 2015 figura un'eccedenza strutturale di 200 milioni.

SDA-ATS