Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Continua il braccio di ferro in parlamento riguardo il Preventivo 2014 della Confederazione. Benché il Consiglio nazionale abbia deciso (97 voti a 91 e 4 astenuti) di rinunciare a tagliare 50 milioni di franchi tra il personale della Confederazione, la stessa Camera del popolo ha ribadito di voler sfrondare di 150 milioni la voce "Beni e Servizi" (97 voti a 93 e 2 astenuti). Il dossier ritorna agli Stati per l'esame delle divergenze rimanenti.

Se per UDC, PLR, Verdi liberali i tagli al personale e alla voce "beni servizi" sono sopportabili e necessari per far fronte agli anni di "vacche magre" che ci attendono, per Verdi, PPD e PS una decurtazione lineare a poche settimane dall'inizio del nuovo anno è semplicemente irresponsabile.

A tale proposito, è assai probabile che nessuno dei 180 posti su 300 previsti per il 2014 verrà occupato, dal momento che per i licenziamenti bisogna attendere i termini di legge previsti.

Alcuni oratori hanno fatto notare che i posti tanto invocati dalle Camere per nuove guardie di frontiera, molto probabilmente non potranno essere occupati. Ciò vale anche per i settori dell'asilo e dell'energia che dovrebbero rinunciare a nuovi collaboratori già previsti.

Alla fine, anche se con una maggioranza risicata, su questo punto l'ha spuntata la minoranza della commissione, con gran sollievo della Consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf. Niente da fare invece per il settore "Beni e Servizi": il Nazionale, diversamente dagli Stati, ha ribadito il taglio di 150 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS