Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'aumento dell'età pensionabile delle donne non sarebbe percepito negativamente dagli svizzeri (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

L'innalzamento dell'età pensionabile delle donne da 64 a 65 anni non sembra rappresentare un ostacolo per l'accettazione in votazione popolare del progetto Previdenza per la vecchiaia 2020. È la conclusione di uno studio realizzato dall'università di Zurigo.

Più rischiosa invece è l'introduzione all'interno della riforma - approvata oggi in Parlamento - della riduzione dal 6,8 al 6% del tasso di conversione (l'indice che determina l'ammontare delle rendite), osteggiata soprattutto dagli elettori dell'UDC e del PS.

La ricerca, effettuata tra aprile e agosto 2016 interrogando circa 2000 persone, è stata condotta dalla professoressa e politologa Silja Häusermann.

L'aumento dell'età pensionabile delle donne non sarebbe percepito negativamente dagli svizzeri: al contrario viene visto come uno degli atout del progetto, fatta eccezione proprio per le persone di sesso femminile. Ciò vale per l'elettorato di tutti i partiti, tolto quello di UDC e Verdi.

Un altro punto a favore del progetto di legge è rappresentato dal supplemento di 70 franchi sulla rendita AVS nel Primo Pilastro. Questo provvedimento è particolarmente apprezzato da romandi, socialisti e pensionati.

Infine, anche l'incremento dell'IVA di 0,6 punti sembra riscuotere successo tra gli svizzeri, in particolar modo fra i sostenitori di UDC, PBD e Verdi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS