Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I prezzi al consumo in novembre sono rimasti sostanzialmente stabili in Svizzera su base mensile, mentre sono aumentati sensibilmente nel confronto annuo.

Il relativo indice calcolato dall'Ufficio federale di statistica (UST) si è attestato a 100,9 punti, segnando una flessione dello 0,1% rispetto a ottobre e una progressione dello 0,8% sull'arco dei dodici mesi, la più elevata di quest'anno.

L'arretramento mensile è dovuto in particolare alla diminuzione del costo dei viaggi forfetari internazionali, riferisce l'UST in un comunicato odierno. Anche i prezzi degli ortaggi e quelli dei pernottamenti in albergo hanno registrato un calo. Ha invece subito un aumento il costo dell'olio da riscaldamento e quello dei carburanti.

Sempre rispetto a ottobre i prezzi dei prodotti indigeni sono scesi dello 0,1%, mentre quelli dei prodotti importati sono rimasti immutati. Su base annua i primi sono cresciuti dello 0,3%, i secondi del 2,2%.

Nel dettaglio, sono risultati in aumento nel confronto mensile gli indici dei gruppi bevande alcoliche e tabacchi (+0,4%), trasporti (+0,3%) nonché abitazione ed energia (+0,1%). Perfettamente stabili sono sanità e insegnamento, mentre meno cari sono indumenti e calzature (-0,4%), comunicazioni (-0,6%), tempo libero e cultura (-0,6%), ristoranti e alberghi (-0,4%), alimentari (-0,3%), comunicazioni (-0,1%) nonché altri beni e servizi (-0,3%).

Nel raffronto sui dodici mesi spicca invece il +4,3% di indumenti e calzature, il +2,0% dei trasporti e il +1,5% di tempo libero e cultura.

I prezzi sono ricominciati a salire su base annua solo dal gennaio scorso. L'incremento di novembre è il più elevato tra quelli finora registrati quest'anno.

A titolo di parziale confronto va rilevato che per ritrovare un'inflazione per un intero anno più alta di quella mensile di novembre occorre risalire al 2008, quando si era attestata al 2,4%. In seguito vi sono stati quattro anni con rincari negativi, uno con un inflazione moderata e uno con prezzi perfettamente stabili.

Nel 2016 l'indice - spesso al centro di accese discussioni, in particolare perché non comprende i premi dell'assicurazione malattia di base - si è contratto dello 0,4%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS