Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il popolo avrà senza dubbio l'ultima parola sulla nuova normativa che riguarda il prezzo unico del libro: in gestazione da sette anni, il testo ha ottenuto oggi il sì definitivo del parlamento nelle votazioni finali, ma ci sarà il referendum. UDC e PLR hanno già convocato la stampa per promuoverlo, insieme ai consumatori della Svizzera tedesca.

Agli Stati l'oggetto è stato approvato con 23 voti a 19 e un'astensione, mentre il sì del Nazionale è stato più ampio (96 a 86 e 5 astensioni). Esponenti democentristi e liberali radicali sono saliti alla tribuna, nell'ultimo giorno della sessione primaverile, per criticare la legge. Autori e lettori svizzeri non potranno trarre profitto dal prezzo unico, ha dichiarato Caspar Baader (UDC/BL). Soltanto gli editori stranieri e i grandi distributori ne trarranno utili. Gabi Huber (PLR/UR) ha definito la legge contraria alla concorrenza: il settore va bene e nulla giustifica i sussidi o il sostegno dello Stato.

Non si tratta di intrusione dello Stato, ma di semplice riconoscimento, ha risposto Dominique de Buman (PPD/FR): occorre permettere a tutte le idee di esprimersi sulla carta in maniera ampia, con pari opportunità. "Chi vuole un'offerta culturale diversificata vota sì", ha rincarato Hildegard Fässler (PS/SG), mentre Louis Schelbert (Verdi/LU) ha rilevato il fatto che tutto il settore del libro appoggia la nuova normativa. L'ultima divergenza è stata appianata solo ieri: Il Consiglio degli Stati, adeguandosi al Nazionale, ha deciso che il prezzo unico del libro deve applicarsi anche ai volumi acquistati all'estero tramite Internet.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS