Navigation

Prima mano robotica che afferra senza toccare, l'ha sviluppata ETH

Molte le applicazioni ipotizzabili. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2020 - 13:02
(Keystone-ATS)

Onde sonore e stampa 3D sono alla base della costruzione della prima mano robotica capace di afferrare gli oggetti senza toccarli.

È stata ideata al Politecnico federale di Zurigo (ETH) dal ricercatore Marcel Schuck per spostare e manipolare gli oggetti più delicati e promette di avere ricadute economiche importanti se applicata su larga scala.

La tecnologia, rileva Schuck, potrebbe essere di interesse per l'industria dei microchip e per quella dell'orologeria, quando si tratta di manipolare minuscoli e costosi componenti, indica l'ETH in un comunicato odierno. "Le ruote dentate, per esempio, vengono ricoperte di lubrificante che può essere facilmente danneggiato, anche dal tocco più delicato".

Sviluppata nell'ambito del progetto "No-Touch Robotics", la mano robotica è una sorta di pinza formata da due semi sfere stampate in 3D e si basa su un effetto sfruttato da oltre 80 anni, quello della levitazione acustica che usa la pressione esercitata dalle onde acustiche, in particolare dagli ultrasuoni che l'uomo non può sentire, per mantenere in aria piccoli oggetti. I punti di pressione vengono creati quando le onde acustiche si sovrappongono e all'interno di questi punti possono essere intrappolati gli oggetti che, di conseguenza, sembrano fluttuare liberamente nell'aria, in una trappola acustica.

Per ottenere la mano robotica, Schuck ha inserito numerosi piccoli altoparlanti nelle due semisfere, che sono controllate da un software che consente anche di controllare gli altoparlanti, in modo che i punti di pressione possano essere spostati. L'obiettivo è quello di cambiare la loro posizione in tempo reale senza che l'oggetto sospeso cada a terra. Il software infatti regola la trappola acustica in base alla forma dell'oggetto da sollevare. Il principio ha anche un vantaggio economico: quando si lavora con un robot convenzionale, è necessaria una pinza diversa per quasi ogni nuova forma. La pinza robotica acustica elimina la necessità di un vasto set di costose pinze ad alta precisione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.