Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La prima cosa che voglio dire è una cosa che i musulmani americani non sentono spesso: grazie": ha esordito così Barack Obama intervenendo a Baltimora nella prima moschea americana da lui visitata in veste di presidente.

In precedenza era entrato in altre moschee all'estero, ma per compiere questo storico omaggio ha dovuto attendere l'ultimo anno dei suoi due mandati, libero da retropensieri elettorali. E in risposta all'offensiva anti-islamica di gran parte dei candidati repubblicani, a partire dal magnate Ronald Trump, che ha proposto di mettere al bando i musulmani negli Usa.

"Recentemente abbiamo sentito una ingiustificabile retorica contro i musulmani americani, che non ha alcun posto nel nostro Paese", ha subito attaccato Obama, che è cristiano ma che ha dovuto controbattere a lungo le "accuse" di essere un musulmano nato in Kenya, tanto da scherzarci anche oggi, ricordando che un altro presidente americano, Thomas Jefferson, fu 'accusato' di essere musulmano: "Quindi, non sono il primo", ha detto, facendo ridere le centinaia di persone accorse ad ascoltarlo.

Poi si è rivolto ai giovani musulmani: "Siete parte di questo posto. Non siete o musulmani o americani, siete musulmani e americani". "La mera tolleranza di religioni diverse non è abbastanza: gli Stati Uniti - ha aggiunto - sono per la libertà religiosa. E l'attacco a una religione è l'attacco a tutte le religioni. Quando un gruppo religioso è preso di mira, tutti noi abbiamo la responsabilità di prendere posizione. L'Islam è sempre stato parte dell'America".

Parole forti, coraggiose, volte a correggere quella che a suo avviso è una "impressione profondamente distorta" degli americani musulmani: la stessa, forse, di quel manipolo di manifestanti che lo aveva accolto all'esterno con tre cartelli nei quali lo si invitava a non incontrare Hamas, l'organizzazione palestinese che gli Usa considerano un gruppo terroristico.

Obama ha tentato anche di rassicurare i musulmani che si sentono nel mirino di un crescente sospetto o di una malcelata ostilità da parte della gente. "Troppo spesso tutti i musulmani vengono colpevolizzati per gli atti violenti di pochi. E questo è inaccettabile", ha detto Obama facendo più volte riferimento al momento di "preoccupazione e paura" che vive la comunità dei musulmani americani di fronte al crescere del sentimento anti- islamico dopo gli attacchi di Parigi e San Bernardino.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS