Il nuovo amministratore delegato delle Ferrovie di Stato italiane (FS) Renato Mazzoncini e il CEO delle FFS Andreas Meyer si sono incontrati ufficialmente per la prima volta venerdì scorso a Zurigo.

Il miglioramento del comfort a bordo e la semplificazione dei biglietti elettronici sono stati i temi centrali del colloquio.

In vista dell'apertura della galleria di base del San Gottardo, la riunione è stata l'occasione per fare il punto sul traffico fra Italia e Svizzera. L'attuazione delle prime misure per migliorare la qualità del traffico transfrontaliero ha dato i primi risultati, come testimoniano gli oltre 285'000 viaggiatori che hanno raggiunto l'Expo 2015 dalla Svizzera. Dallo scorso dicembre sono inoltre entrati in servizio i moderni e più confortevoli elettrotreni ETR610 ad assetto variabile.

È stato poi creato un gruppo di lavoro allo scopo di incrementare il tasso di puntualità dei treni, dati i numerosi cantieri sulla linea ferroviaria Nord-Sud che possono causare ripercussioni sia sul traffico internazionale sia su quello svizzero.

Mazzoncini ha confermato che, dal 2021, anche sul lato italiano sarà tutto pronto per permettere di ridurre a tre ore il tempo di percorrenza fra Zurigo e Milano.

La messa in esercizio commerciale della tratta Mendrisio-Stabio-Varese è inoltre prevista per il dicembre 2017. I lavori di costruzione in territorio italiano dovrebbero terminare nel maggio dello stesso anno.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.