Navigation

Primo caso nuovo virus isolato in Thailandia

La diffusione del virus è tenuta sotto stretta osservazione. KEYSTONE/EPA/GT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 gennaio 2020 - 13:55
(Keystone-ATS)

C'è il primo caso identificato fuori dalla Cina del nuovo coronavirus, che finora ha fatto ammalare 41 persone con un'infezione polmonare.

Si tratta di una persona in Thailandia, identificata e ricoverata dalle autorità del paese lo scorso 8 gennaio, un viaggiatore proveniente da Wuhan, la città cinese focolaio dell'epidemia. Lo rende noto l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Visti gli sviluppi, il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, si consulterà con i membri del Comitato di emergenza e convocherà un incontro con loro a brevissimo. La possibilità che nuovi casi vengano identificati in altri paesi non era inaspettata, e rafforza le raccomandazioni dell'Oms agli altri paesi di monitorare attivamente e farsi trovare preparati.

A tal fine ha preparato delle linee guida su come rilevare e trattare le persone colpite dal nuovo virus. Il suo sequenziamento genetico condiviso dalla Cina permetterà a più paesi di fare diagnosi più rapide. È altresì essenziale, per l'Oms, che la Cina continui a lavorare per identificare la fonte dell'epidemia ed eventuali animali che lo trasmettono.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.