Navigation

Principe Andrea nega sesso con accusatrice di Epstein

Il principe Andrea, travolto dallo scandalo Epstein. KEYSTONE/AP/SANG TAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 novembre 2019 - 08:10
(Keystone-ATS)

"Non è successo. Posso assolutamente dire categoricamente che non è mai successo". Così il principe Andrea nega, in un'intervista alla Bbc, di aver fatto sesso con Virginia Giuffre, principale accusatrice di Jeffrey Epstein, il miliardario suicidatosi in carcere.

Giuffre sostiene di essere stata costretta ad avere rapporti sessuali con il duca di York tre volte tra il 2001 - quando lei aveva 17 anni - e il 2002. Nella stessa intervista, di cui la Bbc sta pubblicando nuovi stralci, Andrea afferma: "Non ho alcun ricordo di aver mai incontrato questa signora, nessuno". Per una delle occasioni di cui viene accusato, il principe dice di essere rimasto a casa con le figlie.

Inoltre, Virginia Giuffre ha raccontato che mentre ballavano insieme in un club, la sera della prima volta in cui sarebbe stata costretta a rapporti sessuali con Andrea, il duca di York "sudava copiosamente". Ma per il terzogenito della regina Elisabetta questo è impossibile perché - spiega ora alla Bbc - all'epoca "aveva una condizione medica che gli impediva di sudare", condizione che il principe imputa a "un'overdose di adrenalina durante la guerra delle Falkland".

Il principe dice inoltre di non saper spiegare la foto che lo ritrae mentre cinge la vita dell'allora giovanissima Virginia Giuffre, ma lascia intendere che potrebbe essere stata manipolata: "Non possiamo essere sicuri che quella sia la mia mano", dichiara.

"Le indagini che abbiamo fatto" non sono state in grado di provare che la foto sia un falso "perché è la fotografia di una fotografia di una fotografia", afferma ancora il duca di York, che aggiunge anche di non ricordare di essere salito in quella casa e che nell'immagine non appare vestito come usava fare di solito quando si trovava a Londra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.