Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Tribunale penale di Bellinzona ha condannato oggi a 20 aliquote giornaliere da 200 franchi con la condizionale un ex dipendente tedesco della Ems-Chemie accusato di spionaggio industriale contro l'impresa della famiglia Blocher. Un imprenditore concorrente, accusato di complicità, è stato invece prosciolto.

I due erano chiamati alla sbarra per violazione del segreto di fabbricazione e d'affari, l'imprenditore svizzero anche per informazioni economiche vietate. Il Ministero pubblico della Confederazione aveva richiesto pene pecuniarie con la condizionale.

La direzione della Ems-Chemie aveva sporto denuncia nel gennaio del 2007 contro tre ex collaboratori e contro l'imprenditore concorrente. Un anno fa il TPF aveva assolto un ex dipendente dell'azienda guidata dalla figlia dell'ex consigliere federale Christoph Blocher, Magdalena Martullo-Blocher. Le accuse contro un altro collaboratore sono state dichiarate prescritte in aprile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS