Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Germania è iniziato oggi a Hagen, in Nordreno-Vestfalia, uno degli ultimi processi contro criminali nazisti. Alla sbarra Siert Bruins, ex membro delle SS 92enne accusato di aver partecipato all'uccisione a tradimento nel 1944 di un membro della resistenza olandese, Aldert Klaas Dijkema.

Il primo giorno di processo si è chiuso dopo appena 35 minuti, senza dichiarazioni spontanee da parte dell'imputato. Per quel crimine l'uomo è già stato condannato a morte in contumacia nei Paesi Bassi nel 1949, pena poi commutata nell'ergastolo.

Siert Bruins era già stato inoltre condannato a sette anni di reclusione nel 1980 in Germania, per concorso nell'omicidio di due fratelli ebrei. Prima di essere "scoperto" l'uomo aveva vissuto indisturbato in Vestfalia sotto falso nome per oltre trent'anni, dalla fine della Seconda guerra mondiale.

Intanto oggi, in un'intervista all'agenzia Dpa, l'associazione che riunisce i familiari delle vittime del nazismo in Germania si è detta soddisfatta per la possibilità che, presto, la giustizia tedesca possa aprire una serie di processi contro circa 40 presunti ex guardiani dei campi di concentramento di Auschwitz e Auschwitz-Birkenau, recentemente individuati dall'Autorità tedesca che indaga sui crimini nazisti. "Quei crimini contro l'umanità non possono restare impuniti, né essere dimenticati", ha detto Ulrich Sander per l'associazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS