Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le vendite di prodotti petroliferi in Svizzera sono aumentate lo scorso anno del 3% rispetto al 2014 a 10 milioni di tonnellate.

In forte ascesa le cifre relative all'olio da riscaldamento (+15,9% a 3,17 milioni di tonnellate), indica oggi l'Unione petrolifera (UP), precisando che in molti hanno fatto il pieno delle cisterne approfittando dei bassi prezzi.

I volumi della vendita di benzina sono invece scesi del 6,7% a 2,51 milioni di tonnellate, a conferma di una tendenza in atto da alcuni anni. Il fenomeno si spiega con il continuo miglioramento del rendimento dei motori e anche con il crescente successo sul mercato delle vetture a consumi ridotti.

L'abbandono della soglia minima di cambio con l'euro ha inoltre provocato una riduzione della domanda nelle regioni di frontiera.

La flessione è stata meno marcata per il carburante diesel, che ha fatto segnare un calo dello 0,6% a 2,68 milioni di tonnellate. Le vetture diesel lo scorso anno sono state pari al 38,9% di tutte le nuove immatricolazioni. Il numero totale dei veicoli a motore è salito da un anno all'altro dell'1,8% a 5,084 milioni di unità.

Per quanto riguarda il cherosene le statistiche evidenziano un aumento del 3,4% a 1,64 milioni di tonnellate, in conseguenza dell'accresciuta attività degli aeroporti di Ginevra e Zurigo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS