Navigation

Produttori svizzeri lasciano Interprofessione Latte

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2011 - 19:37
(Keystone-ATS)

La Federazione dei produttori svizzeri di latte (FPSL) lascia l'Organizzazione di categoria Interprofessione Latte (IP Latte). Lo ha fatto dopo che quest'ultima ha deciso di abbassare il prezzo indicativo del latte di quattro centesimi. E' un fatto "ingiustificato e inaccettabile", ha affermato questa sera la FPSL.

Il calo del prezzo è "insostenibile visto il livello attuale degli introiti dei produttori", ha sottolineato la Federazione in un comunicato. "Viste le circostanze, la FPSL si è pronunciata all'unanimità per l'uscita da IP Latte".

L'organizzazione romanda dei contadini Uniterre ha accolto positivamente la decisione. Abbassare il prezzo indicativo significa che "per molto tempo il prezzo netto arriverà al di sotto dei 50 centesimi al litro", si indigna l'associazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?