Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LUCERNA - La popolazione di Andermatt (UR), pur accogliendo favorevolmente il mega complesso turistico dell'investitore egiziano Samih Sawiris, teme un aumento del costo della vita. Gli abitanti non vogliono che la loro località diventi una sorta di St. Moritz urana.
È quanto afferma uno studio, pubblicato oggi, realizzato da un'alta scuola lucernese. L'istituto aveva il compito di esaminare le conseguenze, fino al 2020, dal punto di vista sociale, culturale ed economico dell'edificazione del progetto turistico di Sawiris.
La ricerca rivela che l'euforia che regnava durante la fase pianificatoria del complesso si è smorzata con l'inizio dei lavori. Oggi la popolazione non esita a esprimere i propri timori. Le persone interrogate vogliono soprattutto che il loro comune possa rimanere lo stesso anche in futuro.
Altri affermano invece che non c'è di che preoccuparsi. Alcune persone indicano poi che sono disposte a lasciare Andermatt se le cose dovessero peggiorare. I giovani credono invece che il progetto porterà nuove opportunità per il loro comune, ma esprimono forti dubbi sull'impatto ambientale del nuovo complesso turistico.

SDA-ATS