Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le indennità forfettarie versate ai parlamentari federali sono state spesso giudicate ingiuste o esose.

Keystone/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

Le indennità forfettarie versate ai parlamentari federali sono state spesso giudicate ingiuste o esose. Sono attualmente pendenti diverse iniziative parlamentari che chiedono di ridurle.

Quella inoltrata dalla consigliera nazionale Susanne Leutenegger Oberholzer (PS/BL) chiede di tassare il forfait di 33'000 franchi per le spese di personale e materiale.

Il suo collega alla Camera del popolo Joachim Eder (PLR/ZG) domanda invece di abolire il contributo di 180 franchi a notte per i deputati che rientrano a casa fra una seduta e l'altra.

Molto simile la richiesta depositata da Andrea Martina Geissbühler (UDC/BE): chiede che l'indennità di pernottamento sia accordata soltanto su presentazione di una ricevuta. Per le sedute di mezza giornata, inoltre l'indennità per il vitto dev'essere ridotta a 60 franchi.

La consigliera nazionale bernese, in un'altra iniziativa, propone inoltre di ridurre l'indennità versata agli autori delle iniziative parlamentari per il loro intervento in commissione.

Matthias Aebischer (PS/BE) infine vuole che i parlamentari abbiano la possibilità di assumere un collaboratore personale con un grado di occupazione massimo dell'80%. Le pratiche relative all'assunzione spetterebbero ai Servizi del parlamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS