Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio nazionale ha iniziato la sua seduta odierna con l'esame dell'iniziativa parlamentare di Dominique de Buman (PPD/FR) che chiede di inserire in modo permanente nella legge sull'IVA l'aliquota speciale (3,8%) per le prestazioni del settore alberghiero.

L'attuale regime speciale scade a fine anno.

La Commissione dell'economia propone di strettissima maggioranza - 13 voti a 12 - di prorogare l'aliquota ridotta di soli 10 anni. Tale scadenza è un compromesso tra chi chiede un'estensione illimitata (PPD, UDC, 15 cantoni - fra i quali Ticino e Grigioni - Gastrosuisse e Hotelleriesuisse), chi una di tre anni (PS, sindacati e 11 cantoni) e chi non vuole prolungare questa misura (PLR e PVL).

Altro tema all'ordine del giorno: la revisione della legge sull'aiuto monetario. Questa prevede che il governo possa chiedere alla BNS di procedere alla concessione al fondo per la lotta alla povertà delll'FMI di mutui con garanzia della Confederazione. Per poter fornire questa garanzia occorre che il Parlamento approvi un credito d'impegno, nella fattispecie 800 milioni di franchi.

La giornata si chiuderà con l'esame di una mozione della sua Commissione delle finanze che chiede di introdurre un ordine di priorità qualora si debbano adottare misure di risparmio a causa del freno all'indebitamento. Una forte minoranza chiederà la bocciatura dell'atto parlamentare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS