Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le autorità cinesi stanno cercando disperatamente di contenere gli effetti collaterali dell'esplosione che la scorsa settimana ha provocato la morte di almeno 114 persone e il ferimento di 700 nella città portuale di Tianjin, nel nord della Cina.

A cinque giorni dalla deflagrazione, che alcuni residenti della metropoli hanno paragonato ad un forte terremoto, altri ad un'esplosione nucleare, la situazione è sfuggita di mano alle autorità, sempre molto attente a tutto quello che si può tramutare in "instabilità sociale".

L'esplosione è avvenuta in un deposito di materiale chimico dell'impresa Ruihai International Logistic, una compagnia nata nel 2011 per importare ed esportare materiale chimico e di altro tipo. Responsabili della municipalità hanno ammesso che nel deposito c'erano 700 tonnellate, invece delle dieci autorizzate dalla legge, del pericoloso cianuro di sodio, un composto infiammabile ed esplosivo usato tra l'altro nelle miniere di oro e argento.

Inoltre, il magazzino si trovava a 500 metri da alcune abitazioni, mentre la distanza minima consentita è di un chilometro. Le proteste sono iniziate sul posto e in seguito sono dilagate su Internet, dove migliaia di cittadini hanno apertamente criticato le autorità locali per non essere intervenute tempestivamente e per la loro reticenza nell'informare il pubblico.

Il premier Li Keqiang, giunto sul posto ieri, quattro giorni dopo il disastro anche se Pechino dista poco più' di cento km da Tianjin, ha assicurato oggi i cittadini che "i responsabili saranno puniti". In maniche di camicia, per una volta non sorridente, Li - un economista che si è calato con fatica nel ruolo di "amico del popolo" riservato dal sistema cinese al capo del governo - ha aggiunto che "siamo debitori di una risposta alle famiglie delle vittime, a tutti gli abitanti di Tianjin, a tutto il popolo cinese e alla storia".

I primi a protestare sono stati i parenti dei vigili del fuoco, 39 dei quali sono tra le vittime e i dispersi (che in tutto sono 70, secondo le ultime cifre diffuse dai media cinesi), giovani e giovanissimi mandati allo sbaraglio a cercare di domare l'incendio che in un secondo momento, quando già i pompieri erano sul posto, ha provocato la terribile deflagrazione.

Poi è partita una valanga di critiche su Internet, che le autorità hanno cercato invano di bloccare, chiudendo una cinquantina di siti web accusandoli di allarmismo. Oggi un centinaio di residenti ha chiesto di essere indennizzata e trasferita a spese dello Stato in luoghi più sicuri.

La rivista Caijing ha scritto che il figlio del capo della polizia di Tianjin è uno degli azionisti della Ruihai, il cui presidente è rimasto ferito nell'esplosione e si trova in ospedale, piantonato da un nutrito schieramento di poliziotti. Il governo locale ha assicurato che tutte le tracce di cianuro di sodio verranno eliminate nel giro di poche ore, e ha aggiunto di aver bloccato tutti i canali che potrebbero portare in mare il veleno fuoriuscito dal deposito.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS