Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Commissione propone di respingere una mozione di Matthias Aebischer (PS/BE) che vuole vietare l'importazione di prodotti ottenuti mediante metodi noti per infliggere sofferenze agli animali, come ad esempio il foie gras o le cosce di rana (foto d'archivio).

KEYSTONE/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

Non è necessario vietare l'importazione di prodotti ottenuti mediante metodi noti per infliggere sofferenze agli animali, come ad esempio il foie gras o le cosce di rana.

È l'opinione della Commissione della scienza dell'educazione e della cultura degli Stati, che suggerisce alla propria Camera - con 9 voti contro 0 e un'astensione - di respingere una mozione sul tema.

Dopo aver consultato rappresentanti delle cerchie interessate (Protezione svizzera degli animali, Unione svizzera dei contadini, Unione svizzera delle arti e mestieri), la commissione ha tra l'altro cercato di chiarire cosa s'intenda per "ottenuti infliggendo sofferenze agli animali" e quali prodotti sarebbero inclusi nel divieto generale, si legge in un comunicato odierno dei Servizi del Parlamento.

La maggioranza comprende le preoccupazioni sulla protezione degli animali che stanno alla base della richiesta e sostiene l'intenzione della mozione. Tuttavia, dall'analisi è emerso che l'accettazione del testo avrebbe conseguenze massicce per numerosi settori, dalla produzione di derrate alimentari al settore tessile fino all'industria orologiera.

Inoltre, continua la nota, non è chiaro se questo aspetto possa essere migliorato in modo significativo mediante una simile normativa unilaterale sul benessere degli animali.

La commissione si dichiara pertanto molto scettica sull'attuabilità della mozione - inoltrata dal consigliere nazionale Matthias Aebischer (PS/BE) - e considera che una sorveglianza generale dell'importazione e di tutti i metodi di produzione impiegati all'estero sia irrealizzabile nonché inopportuna.

Piuttosto, bisogna verificare se occorre intervenire sulle basi legali esistenti, in particolare per quanto riguarda l'obbligo di dichiarazione. Per questo - con 9 voti contro 1 - ha deciso di proporre agli Stati di accettare un postulato che chiede al Consiglio federale di illustrare, tramite un rapporto, le possibili misure concrete che permettono di rafforzare tale obbligo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS