Navigation

PS: referendum contro deduzioni per figli "a vantaggio dei ricchi"

La squadra del PS annuncia il lancio del referendum. Da sinistra: Cédric Wermuth, Ada Marra, Christian Levrat e Anita Fetz. KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 ottobre 2019 - 15:06
(Keystone-ATS)

L'aumento delle deduzioni generali per figli, deciso dal Parlamento due settimane fa, non va giù alla sinistra: per i socialisti si tratta di un regalo alle famiglie benestanti. Per questo, il PS ha annunciato oggi a Berna il lancio di un referendum.

La raccolta delle firme, 50'000 in 100 giorni, incomincerà già domani, ha indicato oggi davanti ai media il consigliere agli Stati friburghese e presidente del PS Christian Levrat.

Quest'ultimo ha criticato i partiti di destra per aver "deciso di fare un regalo fiscale ai più ricchi nell'ultimo giorno e nel corso dell'ultima seduta della legislatura". Una proposta, ha aggiunto, "che non ha nulla a che fare con la politica famigliare".

La misura avrà infatti un effetto solo sulle famiglie abbienti "che non ne hanno bisogno", ha spiegato dal canto suo la consigliera agli Stati Anita Fetz (PS/BS). Oltre il 70% dei 350 milioni di franchi di minori entrate per il fisco andranno infatti a vantaggio delle famiglie con un reddito imponibile superiore a 100'000 franchi. Per le coppie sposate con due entrate, invece, la deduzione completa è prevista solo per i redditi tra 300’000 e un milione di franchi.

Per il consigliere nazionale Cédric Wermuth (PS/AG), se si vuole davvero parlare di politica famigliare, la somma sarebbe piuttosto da destinare ad altri progetti, ad esempio al finanziamento di quattro settimane di congedo paternità, invece delle due approvate lo scorso mese dal Parlamento.

Due settimane fa il Parlamento ha approvato, dopo un lungo tira e molla, un aumento delle deduzioni generali per figli. L'incremento da 6'500 a 10'000 franchi della deduzione generale per tutti i figli minorenni, che fanno un apprendistato o degli studi, non figurava nel progetto originale relativo alle deduzioni fiscali per le spese causate dalla custodia dei figli, ma è stato introdotto dalla Camera del popolo in seguito a una proposta individuale del consigliere nazionale Philipp Kutter (PPD/ZH).

La sinistra si è fermamente opposta, sostenendo che questa misura equivale a una sovvenzione fiscale delle famiglie ricche che costerà 350 milioni di franchi alle casse della Confederazione. La proposta ha invece raccolto il sostegno di PPD, PLR e UDC.

I due rami del Parlamento si erano già detti d'accordo sull'aumento da 10'100 a 25'000 franchi delle deduzioni per la custodia della prole al di fuori della famiglia nell'imposta federale diretta (IFD). L'obiettivo è di permettere a un maggior numero di donne con figli - in particolar quelle con altamente qualificate - di essere nuovamente assunte.

In questo caso i mancati introiti previsti per la Confederazione si attestano a 10 milioni di franchi, di cui due milioni a carico dei Cantoni. In seguito alla decisione del Parlamento, ha sostenuto la consigliera nazionale Ada Marra (PS/VD) le perdite fiscali ammonteranno ora a 350 milioni di franchi, di cui 74 milioni a scapito dei Cantoni. "I quali hanno già reso noto di non essere in grado di sostenere tale emorragia", ha sottolineato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.