Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La Commissione della Cassa pensioni delle Confederazione PUBLICA ha approvato il rapporto annuale 2009. L'esercizio si è chiuso con un grado di copertura del 102,4%. Questo risultato positivo ha nuovamente consentito la costituzione di riserve di fluttuazione. In un comunicato odierno, PUBLICA rileva tuttavia che non è ancora possibile parlare di una sufficiente capacità di rischio.
Nonostante l'anno di crisi, nel 2009 PUBLICA, con una performance del 10,13% (in rapporto al -6,85% dell'anno precedente), ha conseguito il miglior risultato degli investimenti dalla sua costituzione nel 2003. Dopo i segnali di turbolenza del primo semestre, PUBLICA e gli organi paritetici delle casse di previdenza affiliate hanno dovuto occuparsi di possibili misure di risanamento.
Nella nota odierna, PUBLICA afferma che la ripresa graduale dei mercati finanziari ha attenuato sempre più la pressione relativa all'esigenza di risanamento e alla fine dell'anno il contatore si è fermato su un grado di copertura medio del 102,4%. Le singole casse di previdenza chiudono l'anno con un grado di copertura tra il 100,4% e il 105,5%.
In questo modo sussiste di fatto una sovracopertura, ma il "cuscinetto" di rischio di ben il 2% - ammonisce la Commissione della Cassa PUBLICA - rimane tuttora molto sottile. Il costante miglioramento della capacità di rischio continua a essere uno dei più importanti obiettivi strategici della Commissione.

SDA-ATS