Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Putin all'Avana con "regalo" condono debito

Il presidente russo, Vladimir Putin, è arrivato oggi all'Avana - prima tappa di una tournée latinoamericana che lo porterà in Argentina e Brasile, per il vertice dei Brics - portando con sé il migliore dei biglietti da visita: il condono del 90% dei 26 miliardi di euro di debito che Cuba trascina dai tempi dell'Unione Sovietica.

Putin, accolto all'aeroporto José Martì dal primo vicepresidente, Miguel Diaz-Canel, incontrerà l'ex presidente cubano Fidel Castro e il suo fratello e successore, Raul, in una visita che è vista dagli analisti come un chiaro segno di rilancio dei rapporti fra Mosca e l'ex alleato.

Non a caso, la stampa ufficiale cubana - l'unica ammessa sull'isola - ha definito "storica" la visita del presidente russo, sottolineando che sarà dedicata allo "sviluppo dei rapporti economico-commerciali, gli investimenti e le prospettive di progetti comuni".

Il crollo dell'Unione Sovietica, nel 1991, innescò una grave crisi a Cuba, con un crollo di oltre il 30% del Pil dell'isola, ma ora oltre al condono del 90% del debito con Mosca - da decenni una spina nel fianco dei rapporti bilaterali - Putin porta con sé l'impegno di trasformare il 10% restante (da pagare in comode rate) in investimenti nella zona franca del porto di Mariel: il mega progetto a 45 km dall'Avana sul quale il governo di Raul Castro ha scommesso per il rilancio economico dell'isola.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.