Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato la legge che consente alle autorità russe di vietare l'attività delle ong straniere e internazionali dichiarate "non gradite".

Spetterà alla procura generale, con il benestare del ministero degli esteri, dichiarare "non gradita" una ong considerata "una minaccia alle basi del regime costituzionale, alla capacità difensiva del Paese o alla sicurezza statale": una definizione molto ampia che secondo alcuni analisti può facilmente prestarsi a interpretazioni politiche.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.