Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le guardie di confine hanno registrato l'anno scorso 2464 entrate illegali nei cantoni di Zurigo, Sciaffusa e Turgovia, contro 424 nel 2014. La pressione migratoria si è fatta sentire soprattutto verso la fine dell'anno.

"La situazione è cambiata di colpo a partire da novembre", ha dichiarato oggi alla stampa il comandante della Regione guardie di confine II, Thomas Zehnder.

Fino ad ottobre la situazione era invece più tranquilla, tanto che circa 270 uomini hanno potuto essere trasferiti in altre regioni, soprattutto in Ticino, ha spiegato.

Gli uomini della Regione guardie di confine II - responsabili per i cantoni di Zurigo, Sciaffusa e Turgovia, come pure per Svitto, Uri e Zugo - hanno sorpreso i migranti in particolare sulla linea ferroviaria Stoccarda-Sciaffusa-Zurigo e a bordo di bus internazionali.

In collaborazione con la polizia urana, le unità mobili delle guardie di confine hanno controllato anche diversi tir sull'asse del San Gottardo, per verificare l'eventuale presenza di passatori. "Non ci sono tuttavia stati riscontri in questo senso", ha dichiarato Kurt Wyss, responsabile dell'ispettorato delle dogane di Sciaffusa.

Difficile al momento prevedere l'evoluzione dei flussi migratori. Secondo il comandante Zehnder, "nel canton Sciaffusa si stanno effettuando preparativi in vista di una possibile crescita dei passaggi di frontiera". La situazione è comunque per il momento tranquilla.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS