Navigation

Quindici anni fa lo tsunami in Asia, 113 morti svizzeri

Sopravvissuti allo tsunami che pregano per i parenti morti nella tomba di massa a Banda Aceh, in Indonesia. KEYSTONE/EPA/HS GT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 dicembre 2019 - 21:29
(Keystone-ATS)

Sono passati 15 anni dal violentissimo terremoto di magnitudo 9.1 che colpì l'Oceano Indiano al largo della costa nord-occidentale di Sumatra, in Indonesia, provocando un gigantesco tsunami.

Quelle onde, alte fino a 30 metri, che devastarono parti delle regioni costiere dell'Indonesia, dello Sri Lanka, dell'India, della Thailandia, della Birmania e del Bangladesh, si portarono via 230'000 vite umane e sconvolsero il mondo. Le vittime svizzere furono 113.

Anche quest'anno, migliaia di famiglie si sono date appuntamento per la cerimonia di commemorazione davanti alla fossa comune nella provincia indonesiana di Aceh Besar, dove interi villaggi sono stati inghiottiti dalle onde con almeno 125'000. Sul campo d'erba di Aceh, dove sono sepolte 47'000 vittime in una fossa comune, ogni anno i parenti pregano, spargono petali di fiori e cercano conforto tra di loro.

"Non ci sono parole per descrivere quello che abbiamo visto 15 anni fa, con migliaia di cadaveri davanti agli occhi", ha detto il governatore ad interim di Aceh, Nova Iriansyah, durante la cerimonia di commemorazione a Sigli, città nel distretto di Pidie. "Oggi possiamo vedere come le persone di Aceh sono state in grado di superare la sofferenza e risorgere, grazie all'aiuto di tutti gli indonesiani e delle persone di tutto il mondo", ha aggiunto. Come segno di rispetto, i pescatori di Bireuen hanno tenuto una preghiera sulla spiaggia, decidendo poi di non avventurarsi in mare con le loro barche.

Quello che viene considerato uno dei più catastrofici disastri naturali dell'epoca moderna ha avuto la sua origine e il suo sviluppo nell'arco di poche ore e ha riguardato l'intero sud-est dell'Asia, giungendo a lambire le coste dell'Africa orientale. Quindici anni dopo la tragedia, di tanto in tanto dall'Oceano continuano a riemergere altri resti.

Anche se l'Indonesia è stato il Paese con il maggior numero di vittime, diverse cerimonie di commemorazione si sono tenute anche in Thailandia (dove tra gli oltre 5000 morti ci furono molti turisti), India e Sri Lanka.

Intanto nelle Filippine almeno 16 persone hanno perso la vita a causa di un tifone che si è abbattuto su villaggi rurali e aree turistiche. L'uragano "Phanfone", con venti che soffiavano fino a 195 chilometri orari, ha divelto i tetti degli edifici e abbattuto i pali della corrente elettrica. I danni maggiori e le vittime si contano sull'arcipelago delle Visayas.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.