Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo Raiffeisen ha realizzato nel primo semestre un utile netto di 354 milioni di franchi, in crescita del 4% rispetto allo stesso periodo del 2011, ha annunciato stamane il numero tre bancario in una nota. Anche l'utile lordo è progredito nei primi sei mesi dell'anno (+3,6% a 521 milioni di franchi).

Dal canto loro, i proventi hanno registrato un aumento dell'8,4% a 1,36 miliardi di franchi. Con 7,2 miliardi (+5,6%), l'afflusso di nuovi fondi è giudicato "particolarmente soddisfacente" dal gruppo con sede a San Gallo.

L'acquisizione della banca Notenstein, nella quale è stata trasferita l'attività non USA della Banca Wegelin, ha generato una forte crescita delle operazioni di investimento, apportando come previsto una diversificazione delle fonti di reddito.

Il rilevamento della Notenstein ha tuttavia comportato un aumento dei costi di esercizio, i quali sono saliti di 88 milioni (+11,7%) a 841 milioni di franchi. Senza questo fattore, il loro aumento si sarebbe limitato a 12,4 milioni (+1,6%). Al 30 giugno, il gruppo contava 10'428 dipendenti (pari a 8'731 a tempo pieno), ovvero 658 in più rispetto a fine 2011.

Per quanto riguarda il resto dell'anno, Raiffeisen si dice "cautamente ottimista". Nonostante la difficile situazione del mercato, il gruppo prevede un utile annuo simile a quello dell'esercizio precedente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS