Navigation

Rapimento dipendente ambasciata svizzera, Sri Lanka esprime dubbi

Lo Sri Lanka ha messo in dubbio il rapimento di un'impiegata locale dell'ambasciata svizzera. Immagine d'archivio. KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 dicembre 2019 - 20:12
(Keystone-ATS)

Lo Sri Lanka ha messo in dubbio le dichiarazioni di un'impiegata locale dell'ambasciata svizzera secondo le quali sarebbe stata rapita allo scopo di estorcerle informazioni confidenziali.

L'ambasciatore svizzero Hanspeter Mock, rende noto l'agenzia afp, è stato informato dell'evoluzione dell'indagine, che mostra incoerenze nelle affermazioni dell'impiegata, secondo il Ministero degli affari esteri di Colombo.

"La sequenza degli eventi e la cronologia indicata (...) non corrispondono in nessun modo ai reali spostamenti della presunta vittima", si legge in un comunicato del ministero. A sostegno di questa affermazione ci sarebbero ricevute di Uber, video di telecamere di sorveglianza, dati GPS e telefonici.

Secondo la ricostruzione dell'episodio che era stata inizialmente fatta, la dipendente dell'ambasciata svizzera sarebbe stata rapida con un furgone bianco e rilasciata dopo circa due ore. Sembra che la donna sia stata interrogata su un alto funzionario dello Sri Lanka.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.