Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I proventi scaturiti dai diritti d'autore del settore musicale elvetico hanno raggiunto la quota record di 142,7 milioni di franchi nel 2015 in Svizzera e all'estero, l'1% in più rispetto al 2014. L'88% dei ricavi vanno a compositori, parolieri ed editori musicali.

Ad influire sugli introiti è stata sopratutto la domanda di musica in Svizzera, in particolare nell'ambito di concerti, radio e televisioni, informa in un comunicato odierno la Cooperativa degli autori ed editori musicali in Svizzera (SUISA).

Gli incassi su suolo confederato hanno raggiunto un nuovo record: lo scorso anno sono stati raggiunti 132,7 milioni di franchi, l'1,9% in più che nel 2014 (130,3 mio).

Per quanto riguarda il comparto online invece, le entrate legate al download e allo streaming si sono ridotte a 5,6 milioni, contro i 6,1 dell'anno precedente.

La causa è da ricercare nelle offerte illegali o gratuite finanziate tramite la pubblicità e in quelle legali a pagamento come Spotify, Apple Music e Google Play. Gli indennizzi su YouTube, la piattaforma gratuita maggiormente usata, sono ancora troppo bassi, viene precisato nella nota.

La SUISA è la cooperativa dei compositori, dei parolieri e degli editori di musica presenti in Svizzera e nel Liechtenstein. Al contrario degli interpreti, molti autori ed editori musicali non salgono sul palco e non percepiscono alcun compenso regolare per i concerti: fanno pertanto affidamento su un reddito regolare versato dalla loro società di gestione dei diritti d'autore.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS