Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un parassita molto fastidioso.

KEYSTONE/AP SCANPIX/SOREN FROBERG

(sda-ats)

Record di punture di zecche in Svizzera: dal 2008 mai nei primi quattro mesi dell'anno i medici avevano registrato tanti pazienti, ben 4000, a causa del parassita.

Nella media pluriennale le segnalazioni nel primo quadrimestre sono 2000, indica oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), che spiega il fenomeno con le temperature particolarmente miti nei mesi invernali.

Le quattro migliaia di casi costituiscono il primato assoluto da quando nel 2008 la Confederazione, con l'introduzione del programma Sentinella, censisce le punture di questi minuscoli aracnidi ematofagi, indica l'edizione odierna del Bollettino dell'UFSP, pubblicato in tedesco e francese.

Le zecche, attive quando la temperatura supera i sette gradi, hanno approfittato della meteo particolarmente mite di gennaio e febbraio per importunare escursionisti e appassionati di giardinaggio. Il picco di attività di questi parassiti corrisponde ai mesi di maggio e giugno. In media in Svizzera ogni anno si registrano 9700 consultazioni per le zecche.

La loro puntura può trasmettere infezioni pericolose per l'uomo: nella Confederazione prevalgono la meningoencefalite primaverile-estiva, di origine virale, e la borreliosi di Lyme, provocata da batteri.

L'infezione virale può provocare l'infiammazione delle meningi e in molti casi comportare conseguenze molto gravi. Contrariamente alla meningoencefalite da zecche, la borreliosi di Lyme è relativamente frequente e provoca l'infiammazione delle articolazioni, del cuore e del sistema nervoso. Contro la meningoencefalite esiste un vaccino, non così invece per la borreliosi.

Per proteggersi dalle zecche si possono seguire alcune precauzioni. La Suva (ex Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni) raccomanda regolarmente di evitare la vegetazione folta, la sterpaglia e il sottobosco durante le passeggiate nelle foreste o quando si sta in giardino; di indossare abiti chiusi di colore chiaro (facilitano l'individuazione delle zecche); di usare un prodotto repellente da spruzzare su pelle e abiti; dopo essere stati nei boschi o in giardino di cercare eventuali zecche sul corpo; e se una si fosse fissata, di rimuoverla subito con una pinzetta appuntita.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS