Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nenad Stojanovic promotore del referendum

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

I tempi si fanno stretti per il referendum contro la legge d'applicazione dell'iniziativa UDC "contro l'immigrazione di massa" divenuta articolo costituzionale. A poco più di un mese dalla scadenza del termine sono state raccolte 12'000 delle 50'000 firme necessarie.

Lo hanno annunciato oggi i promotori a Berna.

Il tema è complicato e difficile da spiegare per strada, ha affermato in una conferenza stampa il politologo socialista ticinese Nenad Stojanovic, che aveva annunciato in solitaria il lancio del referendum a fine dicembre. Ma, soprattutto, nessun partito o organizzazione maggiori lo ha sostenuto.

Stojanovic raccoglie le firme con otto "aiutanti". Nel frattempo questi volonterosi hanno ricevuto l'appoggio di diversi piccoli comitati di cittadini di varie tendenze politiche.

Inoltre hanno manifestato l'intenzione di contribuire alla raccolta i Democratici svizzeri e le sezioni ticinesi di PPD, Verdi liberali e Gioventù socialista. I giovani del Ps svizzero decideranno a metà marzo se fornire il loro contributo in extremis: il termine per la raccolta delle firme scade il 7 aprile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS