Navigation

Rep. Centrafricana: almeno 11 morti in scontri a Bangui

Almeno 11 persone sono rimaste uccise nel corso degli scontri tra commercianti e membri di locali milizie in una zona a maggioranza musulmana di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana. (foto d'archivio). KEYSTONE/EPA/Pierre Holtz sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 dicembre 2019 - 19:10
(Keystone-ATS)

Almeno 11 persone sono rimaste uccise nel corso degli scontri tra commercianti e membri di locali milizie in una zona a maggioranza musulmana di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana. Lo fanno sapere fonti della sicurezza ed un locale imam.

Quest'ultimo, Awad Al Karim, ha parlato di "16 corpi" portati alla moschea di Ali Babolo.

Gli scontri sono scoppiati quando i commercianti del distretto, chiamato PK5, hanno imbracciato le armi ed attaccato membri di milizie che volevano imporre balzelli. Colpi d'arma da fuoco ed esplosioni sono stati uditi tra ieri sera e stamane.

Bili Aminou Alao, portavoce della forza di pace dell'Onu Minusca, ha detto che unità sono state inviate nella zona, dove "parte del mercato ed alcuni veicoli sono bruciati". Altre fonti parlano di una cinquantina di negozi e cinque case dati alle fiamme.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.