Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Remunerazioni ridotte di quasi un quarto dal 2007 per i CEO delle principali società svizzere quotate in borsa: da 9,3 milioni di franchi il salario medio dei dirigenti delle venti società dell'indice SMI è sceso a 7,2 milioni nel 2011.

Lo stipendio mediano tra il 2007 - data del primo rapporto - e il 2011 è calato del 25% passando da 7,7 a 5,8 milioni di franchi, secondo l'ultimo studio presentato oggi dalla Società di consulenza PricewaterhouseCoopers (PwC).

Tra il 2010 e il 2011, la massa salariale media dei dirigenti all'interno dell'SMI si è mantenuta stabile. La mediana si è invece contratta del 22%. I manager meglio remunerati hanno percepito il 7% in più, mentre i salari più modesti sono scesi del 5%.

L'anno scorso alcuni grandi CEO sono stati superati da altri membri della direzione, nota PwC. Sergio Ermotti presidente della direzione di UBS, ha ricevuto 6,4 milioni di franchi, ben al di sotto dei 9,2 milioni di uno dei suoi responsabili di divisione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS