Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Torna operativa la 'webcam' della sonda europea Mars Express che ha subito inviato alla Terra nuove bellissime immagini di Marte.

In orbita attorno al pianeta rosso dal 2003, la sonda si è risvegliata dopo un lungo periodo di ibernazione inviando una serie di 'panoramiche' marziane. Mars Express era stata posta in stand by durante tutto il periodo trascorso nella zona d'ombra del pianeta per risparmiare energia.

Dopo mesi di silenzio la 'webcam' marziana installata a bordo della sonda Mars Express, una missione dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), ha ripreso a 'spiare' il pianeta rosso e diffondere sul web le sue immagini. Lanciata nel 2003, la missione Mars Express ha a bordo non solo una serie di strumenti scientifici ma anche una piccola fotocamera lowcost, Visual Monitoring Camera (Vmc), ideata originariamente per immortalare i momenti della discesa di Beagle-2. Sfortunatamente il lander non ha mai potuto completare la sua missione, probabilmente a causa della mancata apertura dei pannelli solari che avrebbero dovuto fornirle energia, ma la sonda continua ancora oggi il suo lavoro.

Dal 2007 la fotocamera Vmc è stata trasformata in una sorta di 'webcam' sempre attiva e pubblica senza filtro e in tempo reale su Flickr le immagini scattate. Le immagini della webcam sono liberamente disponibili a tutti e sul sito vengono accettate anche tutte le proposte dei navigatori del web che vogliono usare le foto marziane a scopo didattico o artistico. Per alcuni mesi la fotocamera era stata spenta per far risparmiare energia alla sonda che in questo periodo si muoveva lungo un'orbita prevalentemente in ombra. Per la gioia di astrofili e appassionati la Vmc è stata ora riattivata e ha immediatamente ripreso a inviare alla Terra le sue foto visibili anche su Twitter a @esamarswebcam.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS