Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Grazie al buon andamento della borsa e alla migliore congiuntura, i ricchi diventano sempre più ricchi: nel 2013 il loro patrimonio è aumentato del 13,8% rispetto all'anno precedente, a 52'620 miliardi di dollari. Si tratta di un valore record. Il numero dei paperoni cresce anche nel mondo: ce ne sono ormai 13,73 milioni, quasi due milioni in più rispetto al 2012, e in in Svizzera quasi 330'000, 47'500 in più.

Per far parte di questo circolo esclusivo bisogna possedere un patrimonio netto superiore ad 1 milione di dollari (esclusi residenza principale, collezioni e beni di consumo durevoli). "L'anno scorso per loro è stato un buon anno", ha rilevato l'esperto Herbert Hensle della società di consulenza Capgemini che ha presentato oggi a Zurigo il nuovo "World Wealth Report" realizzato con la Royal Bank of Canada (RBC).

Nel 2007 i 10,1 milionari possedevano assieme 40'700 miliardi di dollari. La crescita dei super ricchi dell'anno scorso (quasi il 15%) è la più importante dal 2009 (+17%) ed è il secondo maggior rialzo dal 2000. L'incremento maggiore si è registrata in Irlanda (+25%), Emirati Arabi (+24%), Giappone (+22%) e Grecia (+22%).

Ma sono sempre gli Stati Uniti l'area con il maggior numero di ricchi, che toccano i 4,33 milioni di persone (+16%), inseguiti dal Giappone con 2,33 milioni e dalla Germania con 1,33 milioni di paperoni. La Svizzera (+16%) ha ora superato il Canada e si situa al settimo rango.

Il 60% della ricchezza mondiale è concentrata in USA, Cina, Germania e Giappone. In Europa 3,83 milioni di persone (+14%) detengono 12'390 miliardi di dollari. In Asia e Oceania i milionari sono i 4,32 milioni (+17%).

I super ricchi, che dispongono di oltre 30 milioni di dollari, nel 2013 sono 128'300 (+15,8%). Quindi lo 0,9% di tutti i milionari possiede quasi il 35% di tutti i patrimoni.

SDA-ATS