Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel 2015 in Svizzera le imprese hanno speso 15,7 miliardi di franchi in attività di ricerca e sviluppo (R+S), pari ad un aumento del 10 rispetto al 2012, anno dell'ultimo rilevamento in materia.

La Svizzera figura tra i paesi dove le imprese sono più attive in R+S, indica oggi l'Ufficio federale di statistica (UST) in un comunicato.

Il tasso di crescita osservato tra 2012 e 2015 è leggermente superiore rispetto al periodo precedente (+7% tra il 2008 e il 2012). Dall'indagine, realizzata dall'UST in collaborazione con economiesuisse, emerge che ad accentuare la tendenza è stato l'ultimo anno del periodo in rassegna: nel 2015 infatti le imprese hanno speso quasi 43 milioni di franchi al giorno, sabato e domenica compresi. Un simile volume di spesa non era mai stato rilevato in precedenza.

A livello internazionale la Svizzera continua quindi a mantenersi ai primi posti: da circa vent'anni infatti le spese di R+S aumentano più rapidamente dell'intera attività economica della Svizzera misurata dal prodotto interno lordo (PIL).

Più nel dettaglio i maggiori investimenti si segnalano nel settore farmaceutico, che da solo rappresenta il 35% delle spese complessive di R+S, che ammontano a 5,5 miliardi di franchi. Gli altri due comparti più significativi sono "ricerca e sviluppo" e "macchine", che rappresentano rispettivamente il 16% e il 10% delle spese complessive. L'unico settore risultato in calo nel periodo in rassegna è quello della metallurgia, sceso del 30%, mentre l'aumento più marcato in percentuale è quello del ramo "TIC-servizi" (+66%).

Nel 2015 le imprese impiegavano circa 57'000 persone nelle loro attività di R+S, ovvero il 10% di personale in più rispetto al 2012.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS