Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un social network può scomparire anche se conta centinaia di milioni di iscritti: quando gli sforzi per la sua utilizzazione sono più grandi dei benefici può instaurarsi una reazione "a cascata" di abbandoni, affermano i ricercatori del Politecnico federale di Zurigo (ETH).

Lo studio, realizzato da un team guidato dal professor Frank Schweitzer, ha preso in esame il caso Friendster: una rete sociale che ha raggiunto 100 milioni di iscrizioni, ma che nel 2011 è stata chiusa, in seguito ad un esodo massiccio causato dall'introduzione di un nuovo design rivelatosi troppo complicato.

I ricercatori hanno confrontato il modello di Friendster con quello di altre reti sociali - Facebook, Orkut, Livejournal e Myspace - e hanno identificato due fattori principali che determinano le chance di sopravvivenza. Il primo è appunto il rapporto fra benefici e sforzi di utilizzazione. Il secondo è legato al grado di interconnessione fra gli utenti.

Nessuna rete è al riparo dal rischio di un esodo in massa, sostengono gli autori dello studio, i cui risultati sono pubblicati sulla piattaforma arXiv.org. Il grado di resistenza di una rete dipende dalla capacità di contenere la reazione "a cascata" e in particolare dal grado di interconnessione fra gli utilizzatori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS