Navigation

Richemont: crollo delle vendite a causa della pandemia

La sede centrale di Richemont a Ginevra. KEYSTONE/EPA/RICHEMONT / YVES-ANDRE.CH / HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 luglio 2020 - 13:58
(Keystone-ATS)

Le vendite del colosso del lusso Richemont hanno subito un tracollo nel primo trimestre dell'esercizio 2020/21: -47% tra aprile e giugno a 1,99 miliardi di euro.

Una nota odierna del gruppo spiega questo risultato con gli effetti della pandemia di coronavirus sulla sue attività. I ricavi sono in calo in tutte le regioni, in tutte le filiali e in tutte le catene di distribuzione.

La regione dell'Asia-Pacifico è stata quella che ha resistito meglio con una diminuzione dei ricavi di "solo" il 29% su un anno a 1,01 miliardi, dovuto principalmente alla ripresa in Cina, che ha registrato un aumento del 47% nell'ultimo trimestre.

Il Giappone e la regione delle Americhe sono state le due regioni più colpite, con una flessione delle vendite rispettivamente del 62% e del 60% a tassi di cambio costanti.

L'azienda numero due al mondo nel settore dei beni di lusso non ha avanzato previsioni per il resto dell'esercizio.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.