Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo ginevrino Richemont ha realizzato un fatturato in crescita del 3% nei primi nove mesi dell'esercizio 2014/2015, a 8,48 miliardi di euro (10,18 miliardi di franchi). Nel solo terzo trimestre le vendite hanno registrato su base annua una progressione del 4% a 3,05 miliardi.

La performance dopo nove mesi presenta variazioni regionali, indica Richemont in una nota odierna.

Il fatturato è aumentato dell'8% in Europa, a 3,32 miliardi di euro, e dell'11% nelle Americhe, a 1,41 miliardi, mentre è calato del 3%, a 3,15 miliardi, nell'area Asia-Pacifico a causa soprattutto di difficili condizioni a Hong Kong e Macao. Il mercato giapponese ha fatto segnare una flessione del 9% a 602 milioni.

Il comparto della gioielleria, in particolare Cartier, ha evidenziato un aumento delle vendite dell'1% a 4,25 miliardi di euro. In crescita - del 2% a 2,44 miliardi - anche il settore orologiero che comprende i marchi A. Lange & Söhne, Baume & Mercier, IWC, Jaeger-LeCoultre, Officine Panerai, Piaget, Roger Dubuis e Vacheron Constantin. Le altre categorie di prodotti sono risultate in crescita del 7% a 1,79 miliardi.

In valuta locale, afferma ancora Richemont, il fatturato su nove mesi segna una progressione del 2%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS